Salta al contenuto

Let me come Home | Il Parlamento europeo per il rispetto dei diritti della comunità LGBTQI+

Nell’ambito delle iniziative in corso di svolgimento durante le settimane del Milano Pride, l’Ufficio di Milano del Parlamento europeo propone uno spettacolo inedito di teatro-danza, scritto e messo in scena per sensibilizzare alla promozione dei diritti delle persone LGBTQI+, dal titolo “Let me come Home – Il Parlamento europeo per i diritti LGBTQI+” e in programma

Venerdì 8 luglio 2022, ore 19.00in piazza Santa Francesca Romana

Sotto forma di incursione urbana estemporanea, i corpi del pubblico e dei passanti saranno coinvolti all’interno della performance artistica, per una riflessione collettiva sulla dimensione dello spazio, della fisicità e dei confini di una convivenza inclusiva.

La proposta artistica, i testi e la coreografia sono interamente curati da B-ped.

In scena Manuela V. Colacicco, Marco Casagrande, Giuseppe Zagaria, Nicolò Giorgini, Elisabetta Da Rold, Ilaria Zanotti, Martina Di Prato, Vincenzina Cappelli, Federica D’Aversa, Alessandra Cozzi.

Testi di Eliana Rotella. Si ringraziano per la consulenza alla coreografia Michele Ifigenia Colturi e Pablo Ezequiel Rizzo.

Contesto

In occasione della giornata internazionale contro l’omofobia, la transfobia e la bifobia (il 17 maggio scorso), l’Unione europea ha ribadito il suo impegno per il rispetto dei diritti umani e delle libertà fondamentali di tutte le persone, e per il contrasto delle discriminazioni, in particolare quelle basate sull’identità di genere e sull’orientamento sessuale, così da proteggere le comunità gay, lesbica, bisessuale, transgender e intersessuale (LGBTI).

Il Parlamento europeo si è schierato al fianco delle persone LGBTIQ+, prima condannando fermamente l’istituzione di “zone libere dall’ideologia LGBTI” in alcuni paesi europei, poi dichiarando l’Unione europea “zona di libertà”, dove a chiunque possa essere garantita la possibilità di mostrare pubblicamente l’orientamento sessuale o l’identità di genere, senza temere ritorsioni.